MALTEMPO IN VENETO: SI CONTANO I DANNI IN DIVERSE ZONE DELLA REGIONE

Fine settimana di intenso maltempo in gran parte della regione Veneto, in special modo dal tardo pomeriggio alla notte tra domenica e lunedì. Nel veneziano sono state una cinquantina le telefonate ai vigili del fuoco in tutta la provincia a seguito di alberi sradicati e finiti in strada, scantinati allagati e situazioni di criticità che hanno costretto i pompieri ad intervenire con le pompe idrauliche.

Colpite in particolar modo le zone di Mestre e Mirano, quindi il litorale veneziano. Nella Marca la situazione più critica si è registrata a Vazzola, dove in pochi minuti i cittadini hanno assistito ad una vera e propria bomba d'acqua con danni nella zona di Visnà, in centro e tra via Montegrappa e via Marsure. La violenta precipitazione si è abbattuta intorno alle 16 del pomeriggio e ha provocato un immediato innalzamento di canali e fossi, tracimati in pochi minuti.

Garage e cantine di una decina di abitazioni sono andati sott’acqua. Alcuni alberi e due pali della linea Enel sono stati abbattuti dal vento provocando un blackout elettrico proseguito per ore. Interrotte anche le linee telefoniche, che hanno ripreso a funzionare solo questa mattina.

Nel bellunese, a seguito delle forti piogge, la strada statale 51 di Alemagna era stata temporaneamente chiusa a seguito dell’allagamento di un tratto della statale con deviazione del traffico dal territorio comunale di Pieve di Cadore. Sul posto erano presenti i Vigili del Fuoco ed il personale Anas per la gestione della situazione.