VENEZIA: LA POLIZIA DI STATO INAUGURA LE PRIME VOLANTI CON IL SISTEMA "MERCURIO"

VENEZIA: LA POLIZIA DI STATO INAUGURA LE PRIME VOLANTI CON IL SISTEMA

Alle 11.00 di questa mattina sono state presentate in piazza Ferretto a Mestre le prime due volanti terrestri e la prima volante lagunare cablate con il sistema “Mercurio”, ovvero dotate di sistemi informatici e di videoripresa in grado di incrementare in maniera esponenziale l’efficacia dell’azione di controllo e prevenzione degli equipaggi di Polizia sulle strade della città.


Il sistema “Mercurio” è la piattaforma della Polizia di Stato per il controllo del territorio. Installato all’interno della volante, si compone di un tablet con schermo multi-touch da 10 pollici che può essere tolto dall’alloggiamento ed utilizzato all'esterno del veicolo e di un sistema di telecamere dotate di zoom ottico 36x, di cui una collocata sulla plancia del veicolo.

Il sistema consente la geolocalizzazione ininterrotta delle volanti tramite l'invio delle coordinate cartografiche al software di gestione GeoManager, installato presso la Centrale Operativa COT/113, che è quindi informata in tempo reale sulla posizione degli equipaggi e può supportarli in maniera più rapida ed efficace in situazioni di emergenza.


“Mercurio” effettua, tramite le videocamere di bordo, il controllo automatizzato dei veicoli, sia in sosta che in transito, prossimi alla volante in perlustrazione. Le telecamere, inoltre, consentono la lettura automatica delle targhe (sistema ANPR), che acquisite dal sistema, vengono elaborate e comparate con quelle presenti negli archivi di polizia. Nel caso in cui un’auto risulti rubata o sprovvista di assicurazione o certificato di revisione, un segnale sonoro avvisa i poliziotti della volante che ha rilevato la targa e contestualmente la centrale operativa.


Analogamente, in caso di inseguimenti o in altre situazioni emergenziali o di soccorso pubblico, le telecamere consentono l’invio di filmati live alla Sala Operativa. Ad esempio, durante l’inseguimento di un’automobile, il sistema consente di determinare immediatamente la posizione, la direzione, il tipo e il colore del veicolo inseguito, della pattuglia che sta intervenendo ed individuare la volante più vicina che potrà andare in ausilio alla prima volante.

L'avanzatissimo sistema consente altresì di compiere direttamente sul posto gli accertamenti sulle persone fermate in strada, trasmettendo in streaming alla centrale operativa le riprese video dell’intervento. Gli operatori delle volanti possono interrogare direttamente gli archivi di polizia evitando il passaggio alla Sala Operativa che in precedenza veniva interpellata via radio dall’operatore su strada.


A breve, il sistema sarà integrato anche con la funzione ace scanner che consentirà l’identificazione delle persone sospette mediante una telecamera e la rilevazione delle impronte digitali, direttamente sul luogo del fermo, senza la necessità di trasferirsi presso gli uffici della Questura.