CORONAVIRUS IN VENETO: STABILI I MALATI IN TERAPIA INTENSIVA, DALL'INIZIO DELL'EPIDEMIA OLTRE 10.400 POSITIVI

CORONAVIRUS IN VENETO: STABILI I MALATI IN TERAPIA INTENSIVA, DALL'INIZIO DELL'EPIDEMIA OLTRE 10.400 POSITIVI


Per il primo giorno i dimessi sono superiori ai ricoverati. In Veneto i timidi miglioramenti continuano, soffiando con forza sulla necessità di continuare ancor di più sul percorso intrepreso finora. I dati segnano aumenti che rispetto ai giorni passati sono certamente contenuti. Ma sempre di incrementi si parla. Da qui la necessità di non abbassare la guardia. I casi positivi al Coronavirus, guardando l'ultimo bollettino, sono 213 in più rispetto a ieri, portando il numero a complessivi 10.464 da inizio dell'epidemia.


Stabili i malati in terapia intensiva che sono 335, senza nessun aumento rispetto a ieri. I decessi sono 12, dato che porta a 534 il totale delle morti. Nelle ultime ore, ha fatto sapere il governatore del Veneto Luca Zaia, pesa la situazione delle case di riposo. Ieri i decessi erano cresciuti di 22 unità. Veniamo alle notizie positive: i dimessi sono 1031 ed è un fatto positivo, così come i nuovi nati, che sono 82.

Ancora qualche dato di questa battaglia che entra quantomai nel vivo: 126.490 tamponi, 20.238 persone in isolamento, di cui 10.464 persone positive.


Lunedì dovrebbe entrare in funzione una macchina capace di eseguire circa 7mila tamponi al giorno. Lo strumento verrà messo a disposizione del dottor Andrea Crisanti,  direttore dell’Unità complessa diagnostica di microbiologia della Asl di Padova.