TRASPORTI, VENERDì DIFFICILE IN VENETO PER LO SCIOPERO INDETTO DAI SINDACATI

Anche in Veneto si sono sentite le ripercussioni del cosiddetto "venerdì nero" dei trasporti a seguito dello sciopero indetto dal sindacato Sgb. In tutte le sette province stop ad autobus e treni, anche se i servizi minimi sono stati comunque garantiti.

TRASPORTI, VENERDì DIFFICILE IN VENETO PER LO SCIOPERO INDETTO DAI SINDACATI

 

E' andata comunque meno peggio del previsto. A Venezia coda questa mattina alle 10 sul ponte della Libertà a causa del gran numero di veicoli in transito, probabilmente perché gli utenti hanno preferito spostarsi con i propri mezzi privati per il timore di restare a terra.

La Polizia municipale segnala una situazione particolarmente caotica a Piazzale Roma, in terminal automobilistico della città, invaso dalle auto di chi è costretto per ragioni di lavoro a raggiungere con questo mezzo il centro storico. Altre centinaia sono le vetture dei turisti che, non potendo contare sui mezzi pubblici, stanno tentando di approvare in laguna, dovendo poi fare i conti con i pochi posti liberi rimasti nei park.

Presi d'assalto i taxi, con code anche di un'ora per potersi accaparrare un'auto libera.