TRAGEDIA AL RALLY LEGEND DI SAN MARINO, APERTA UN'INCHIESTA PER OMICIDIO COLPOSO

Tragedia al Rally di San Marino,la magistratura procede negli atti per far luce sul tragico sinistro di domenica.

 

Il Commissario della Legge del Titano (l’equivalente del nostro procuratore)Simon Luca Morsiani ha aperto un fascicolo di indagine con l’ipotesi di reato di omicidio colposo, al momento senza indagati. Trattasi, come precisato dai legali, di un atto dovuto a seguito della morte del 57enne di Asti  Enrico Anselmino, la cui salma resta sotto sequestro e su cui si sta valutando se ordinare l’autopsia.

Il magistrato attende l’esito dei rilievi eseguiti dalla Polizia Civile che ha già ascoltato le versioni del pilota  Enrico Bonaso di Albignasego e della co-pilota Alice Palazzi. È stata sequestrata la camera car della Renault Clio Maxi di Bonaso (un bolide del da 270 cavalli, immatricolato nel 1992 ma con motore nuovo di zecca) che ha filmato la tragedia da una posizione frontale. 

Intanto, degli otto feriti, due sono stati dimessi, mentre restano in prognosi riservata la moglie e il figlio della vittima.