FURTI CON DESTREZZA AI DANNI DI ANZIANI: UN CASO A ROVEREDO E UNO A PRATA

Ancora furti ai danni degli anziani nel territorio pordenonese: in azione ancora una volta giovani ragazze.

FURTI CON DESTREZZA AI DANNI DI ANZIANI: UN CASO A ROVEREDO E UNO A PRATA

Il primo caso è stato registrato ieri attorno alle 14.30 a Roveredo in Piano, dove i carabinieri della stazione di Aviano sono intervenuti presso l’abitazione di un 79enne, in via XX Settembre. Secondo quanto riferito dal residente, una donna di circa 30 anni, di corporatura magra e alta circa 1.60 m, dopo aver avvicinato la vittima con la scusa di chiedere alcune informazioni relative ad una via, lo avrebbe abbracciato ripetutamente riuscendo abilmente a sfilargli la collanina in oro giallo che l’uomo portava al collo: un crocifisso del valore di circa mille euro. La giovane subito dopo si sarebbe allontanata a bordo di un’autovettura di colore grigio, probabilmente condotta da un complice.

 

Nella tarda mattina di mercoledì, invece, sempre i carabinieri sono dovuti intervenire per un secondo caso, questa volta a Prata di Pordenone. Nei pressi della chiesa un 85enne è stato raggiunto da una ragazza dell’apparente età di 20 anni, con capelli scuri lunghi e raccolti, che lo aveva avvicinato con la scusa di essere in cerca di lavoro. L’anziano era intento a svolgere alcuni lavori di giardinaggio. Riuscita a carpire la sua fiducia, la ragazza, secondo quanto ricostruito, lo ha quindi preso per mano chiedendogli di seguirla e in particolare di sedersi in una panchina per chiacchierare. Al rifiuto dell’anziano la ragazza, improvvisamente, lo ha abbracciato e baciato, prospettandogli un approccio più confidenziale. In quel frangente l’abile ragazza si sarebbe impossessato della collanina che l’85enne portava al collo e della fede nuzionale che portava all’anulare sinistro. I monili hanno un valore complessivo di circa 1500euro. La giovane si è quindi dileguata a piedi, anche qui probabilmente attesa da un complice.