BADANTI INFEDELI A ROVEREDO IN PIANO: DUE DENUNCE. SPARITI MONILI IN ORO E UTILIZZATE TESSERE BANCOMAT

Da casa erano spariti monili in oro per un valore di circa 5mila euro e per questo un 37enne di Roveredo in Piano, che abita assieme ai genitori, ha deciso di sporgere denuncia contro ignoti ai carabinieri di Fontanafredda.

 

I militari dell'arma, al termine di accurate indagini, hanno denunciato la badante di 41 anni assunta dal figlio per accudire i propri genitori. La donna, dai riscontri effettuati dai carabinieri, risulterebbe aver ceduto alcuni dei monili in oro rubati a negozi Compro Oro di Pordenone, ottenendo un corrispettivo di 500euro. In casa sono saltati fuori altri oggetti preziosi. Inevitabile per lei la denuncia per ricettazione.

 

Purtroppo i monili non sono stati recuperati dal momento che già inviati a fusione al termine del periodo di giacenza previsto dalla legge. Ma quello della 41enne non è l'unico caso di badante infedele. Un 51enne rumeno residente a Maniago, approfittando della propria mansione all'interno dell’abitazione di una coppia di pensionati invalidi (un 84enne ed un 81enne di Roveredo in Piano), si sarebbe appropriato da dicembre del 2017 a gennaio del 2018 in più occasioni delle loro tessere bancomat, approfittando delle precarie condizioni di salute degli anziani.

 

L'uomo avrebbe effettuato numerosi prelievi presso una banca locale per un importo complessivo di oltre 12mila euro. Le figlie degli anziani, attraverso gli estratti conti, si sono accorti che qualcosa non andava. L'uomo è stato pizzicato dalle telecamere di video sorveglianza dell'istituto di credito. Risponderà di furto aggravato continuato.