"IL PUNTO NASCITE DI PORTOGRUARO NON CHIUDE": AL VIA IL BANDO PER IL PRIMARIO, GINECOLOGI E OSTETRICHE

Sebbene il Ministero abbia ordinato la chiusura di 3 punti nascita in Veneto, perché non raggiungono i 500 parti l’anno, Portogruaro resiste nonostante anche questa struttura non raggiunga i requisiti richiesti. A darne notizia il direttore generale dell'azienda sanitaria numero 4 del Veneto Orientale, Carlo Bramezza. "Vi è tutta l'intenzione", dice, " di tenere aperto il Punto Nascite.


La pubblicazione del concorso per l'assunzione del nuovo primario lo conferma, così come lo conferma la pubblicazione dei concorsi per l'assunzione di ostetriche e ginecologi da integrare nell'organico di questa unità operativa, pur consci della carente diffusa disponibilità di tali profili professionali". Il direttore generale lancia quindi un appello sia alla popolazione che ai sindaci del portogruarese: "Il Ministero ha recepito i segnali tangibili volti a rilanciare il punto nascite di Portogruaro per ritornare a fare grandi numeri – conclude Bramezza -.


Per fare questo è tuttavia necessario anche l'aiuto della popolazione nell’affidarsi a questa struttura e ai propri professionisti, ritornando a partorire in questa cittadina. E mi auguro che anche i sindaci e la politica del portogruarese, che assolutamente non vogliono perdere il punto nascite, si uniscano all’Ulss4 nel percorso volto al rilancio di questa unità operativa, evitando inutili polemiche e sensibilizzando la popolazione a far nascere i propri figli a Portogruaro".