CINGHIALI: REGIONE VENETO VARA PIANO TRIENNALE DI CONTROLLO SU TUTTO IL TERRITORIO REGIONALE

CINGHIALI: REGIONE VENETO VARA PIANO TRIENNALE DI CONTROLLO SU TUTTO IL TERRITORIO REGIONALE
La Regione Veneto estende le attività di controllo e contenimento faunistico del cinghiale in maniera coordinata su tutto il territorio regionale: la Giunta regionale, su prposta dell’assessore all’Agricoltura e caccia, ha infatti approvato  il Piano triennale di controllo del cinghiale (Sus scrofa) valido per l’intero territorio regionale.

A causa dell’alta prolificità, mobilità e adattabilità, nonché di deprecabili interventi di immissione abusiva, i cinghiali hanno rapidamente colonizzato ampie aree del territorio regionale, provocando ingenti danni alle attività agricole, rischi per la circolazione stradale ma anche danni, spesso irreversibili, in alcuni ambiti ed habitat naturalistici particolarmente delicati del Veneto.

Benché piani di controllo della specie a carattere locale siano attivi da anni in qualche realtà provinciale e nel Parco dei Colli Euganei -  ricorda l’Assessore -  le difficoltà legate alla riforma delle Province e la necessità di un approccio coordinato e complessivo, come richiesto da ISPRA, la struttura tecnica nazionale di riferimento, suggeriscono di adotare un piano di gestione e controllo a valenza regionale.

La Giunta veneta ha quindi predisposto un piano regionale pluriennale di attività, articolato per il triennio 2017-19, applicabile anche nel territorio di parchi e aree protette. Il piano regionale semplifica i rapporti con ISPRA (l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), al fine di evitare la dispersione degli interventi e la conseguente polverizzazione procedurale per arrivare all’approvazione dei singoli piani provinciali.

Il piano approvato oggi è immediatamente applicabile in tutto il territorio regionale, in tutte le situazioni in cui il cinghiale costituisce un problema, in primis proprio per gli habitat di insediamento. Le Province e la Città metropolitana di Venezia, attraverso i rispettivi corpi di polizia provinciale ittico-venatoria, nonché attraverso i soggetti formati, abilitati e autorizzati dalle stesse amministrazioni, provvedono ad attuare gli interventi previsti.Tra questi, oltre alle attività di prevenzione e di ocntrollo, è prevista anche la cattura e il successivo abbattimento diretto, da realizzarsi secondo le modalità indicate dallo strumento pianificatorio (che consente modalità individuali e collettive e regolamenta l’uso di armi, dalle frecce ai proiettili).
I risultati del piano saranno valutati a cadenza annuale da Regione e ISPRA, al fine di massimizzare l’efficacia dell’attività di controllo nel rispetto di norme e procedure rigorose e puntuali.